Click on the slide!

Blocco Studentesco: a Roma 500 studenti in corteo verso la provincia

Roma, 20 gennaio - "Questa mattina circa 500 studenti hanno…

Leggi tutto...
Click on the slide!

Blocco Studentesco: striscioni in tutta Italia per ricordare la vittoria italiana nella Prima Guerra Mondiale

Roma, 4 nov – “Ieri notte il Blocco Studentesco ha voluto celebrare la data del 4 novembre con…

Leggi tutto...
Click on the slide!

Blocco Studentesco: blitz in tutta Italia nel giorno della Breccia di Porta Pia

Roma, 20 Settembre - Per ricordare la presa di Roma del 20 settembre 1870 il Blocco Studentesco ha…

Leggi tutto...
Click on the slide!

Blocco Studentesco: manifesti e gigantografie in tutto il Nord Italia per ricordare Giovanni Gentile

Milano, 15 apr – Un blitz a Milano, gigantografie a Verona, manifesti negli istituti scolastici di…

Leggi tutto...
Click on the slide!

Il Blocco Studentesco celebra il Giorno del Ricordo

Roma, 10 Febbraio - Foibe: alcuni italiani non dimenticano” è il testo degli striscioni affissi nella notte…

Leggi tutto...
Click on the slide!

Blocco Studentesco:"Renzi pagliaccio" centinaia di striscioni in tutta Italia contro la "buona scuola"

11 gen - Centinaia di manifesti raffiguranti Renzi col naso da pagliaccio affissi fuori dagli istituti scolastici contro…

Leggi tutto...
Frontpage Slideshow (version 2.0.0) - Copyright © 2006-2008 by JoomlaWorks

Menu Principale

Programma Scuola Stampa

La scuola che vogliamo!

La scuola deve essere il luogo privilegiato della formazione integrale dell’allievo protagonista dell’atto educativo, non mero “utente” di un servizio. Scuola come luogo d’incontro e crescita nella vita della comunità civile. La scuola vista come elemento di apertura in cui possano svilupparsi al meglio le potenzialità dei singoli come forza della comunità scolastica tutta. E’ necessario ripensare il momento della “valutazione” dell’allievo stesso, distinguendola dalla semplice “misurazione quantitativa” degli apprendimenti oggettivi. E’ necessario rifondare la concezione del Liceo come luogo della riflessione critica e della ricerca intellettuale. E’ necessaria l’attenzione alle nuove tecnologie e alle loro possibili applicazioni.La scuola non può essere considerata al pari di un azienda da “monitorare” secondo criteri di “marketing” in cui lo studente è un numero e la cultura è un prodotto, dove il preside è divenuto un manager perdendo il ruolo pedagogico che gli compete. La cultura non si vende, si acquisisce! La scuola è il luogo in cui si formano le coscienze delle nuove generazioni. Recuperiamo il concetto di educazione, buttiamo via la semplice imposizione nozionistica!

1. Giovinezza al potere
Maggiore rappresentanza studentesca nei consigli d’istituto con creazione di una figura studentesca all’interno di ogni scuola, eletta direttamente dagli studenti con diritto di veto nei consigli d’istituto e di amministrazione. Questa figura deve rappresentare gli studenti nelle questioni disciplinari riguardanti il corpo studentesco.

- Per gli istituti: rappresentanza studentesca del 50% con diritto di veto nel consiglio d’istituto e nella giunta esecutiva di ogni scuola. Destinare una parte del bilancio dell’istituto alla creazione di progetti autonomi degli studenti inserendoli nel P.O.F. annuale.

- Per la Consulta Provinciale degli Studenti: riconsiderare la consulta come organo regionale e che abbia una funzione decisionale e non limitata solamente a rappresentare un organo consultivo.

2. Libro di testo elettronico
Nonostante dallo scenario scolastico attuale il cartaceo ormai sia in via di estinzione, rimane da fronteggiare la continua speculazione di case editrici e la conseguente spesa eccessiva che va a gravare sulle famiglie degli studenti. Il Blocco Studentesco vuole che il Miur in quanto istituzione dello stato si faccia da garante e stabilisca prezzi fissi dei libri di testo per ogni istituto, in base ad anno, materia, e indirizzo. I libri di testo saranno scaricabarili su un apposito supporto elettronico in dotazione ad ogni studente.

3. Ritrova te stesso
Il 24 maggio 2015 sarà il centesimo anniversario dell'entrata in guerra dell'Italia in quello che è stato il Primo conflitto mondiale. Ed è da questo centenario che deve cominciare la riscoperta della nostra storia e di quei valori di eroismo e coraggio che hanno contraddistinto il popolo italiano a difesa dei confini nelle trincee. Proponiamo che agli studenti venga data la possibilità di conoscere da vicino cosa sia stata quell'esperienza tramite percorsi e viaggi a tema nei luoghi sacri alla Patria. Solo così la giovinezza potrà essere consapevole della propria storia.

4. Commissioni edilizie
Basta con le strutture fatiscenti, pericolanti, e con spazi non utilizzati. Questi governi che tanto prendono ad esempio il così detto "modello anglo-sassone", di una scuola più moderna e spersonalizzata, dove lo studente è un numero e il preside un Manager, tralasciano poi quello che è fondamentale: un tetto solido sulla testa degli studenti. Per far fronte a ciò il Blocco Studentesco esige l'introduzione di commissioni edilizie interne ad ogni istituto formate da studenti, docenti e genitori eletti annualmente, e che possano interagire direttamente con la Regione, che si dovrà prendere carico di provvedere alle problematiche del singolo istituto.

5. No al contributo volontario
La mancanze dello stato nei confronti dell'istituzione scolastica non possono gravare sulle già provate tasche delle famiglie degli studenti italiani. Per questo ci opponiamo fermamente all'applicazione di un'ulteriore e, anche a detta del Miur, illegale tassa rappresentata dal contributo volontario.

6. Mens sana in corpore sano
Aumento delle ore di educazione fisica del 50%. Palestre e strutture sportive all’avanguardia e uguali in tutti gli istituti. Discipline sportive scelte dagli studenti, qualsiasi esse siano, dagli sport di tiro, a quelli di combattimento o qualsiasi sport di squadra. Organizzazione di manifestazioni sportive e tornei fra scuole a livello nazionale. Le strutture sportive delle scuole devono creare una rete di apprendimento (a livello di quartiere nelle grandi citta, a livello comunale nei centri piu piccoli) che copra quante più discipline possibili. Qualora l'istituto non disponesse delle strutture adeguate la Regione si farà mediatrice affinché vengano formulate convenzioni tra scuole e centri sportivi di quartiere senza che ciò comporti dei costi a carico degli studenti. A chi si nasconde da anni dietro la mancanza di fondi si potrebbe proporre di ricavarli eliminando progetti come quello stabilito dall'accordo tra Miur e Anpi.

7. Ritorno alla natura
Sensibilizzazione sul tema del risparmio energetico negli istituti. Escursioni naturalistiche, organizzazione di campi montani e marittimi con cadenza stagionale e della durata di 10 giorni. Campi organizzati a livello di istituto: ad una determinata data, tutte le classi si muovono insieme, dirette in determinati luoghi col fine di riscoprire e rafforzare lo spirito di comunità.


 

Calendario Eventi

<<  Luglio 2017  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
       1  2
  3  4  5  6  7  8  9
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      

Propaganda

  • Locandine
  • Locandine
  • Locandine
  • Locandine
  • Locandine
  • Locandine
  • Locandine
  • Locandine

Google Analytics Tracking

Nessun URL del feed specificato.
Copyright © 2017 Blocco Studentesco. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.