SOCIALIZZAZIONE SCOLASTICA

logo socializzazione scolastica blocco studentesco

Vogliamo il rientro totale, onnicomprensivo e senza scaglionamenti degli studenti a scuola.

Vogliamo abolita qualsiasi forma di didattica a distanza e virtuale: basta con le mezze decisioni e i ripensamenti, la nostra salute è nella comunità.

Vogliamo la partecipazione totale dello studente al processo di riapertura e cogestione delle scuole: socializzazione degli istituti, studenti soggetti attivi alla didattica, studenti parte integrante ed organica degli organi collegiali.

Vogliamo sia ripensato lo stare in classe. Non chiediamo sicurezza e sopravvivenza, ma un nuovo modo di fare scuola: sì a maggiore alternanza scuola lavoro, sì ai semestri con l’ambiente, sì all’attività fisica potenziata.

Vogliamo fondi per il miglioramento del trasporto pubblico, per l’acquisto di materiale scolastico, per il riammodernamento delle strutture. Queste sono le uniche garanzie di sicurezza per il diritto allo studio, che non arrivano da nessun DPCM.

Vogliamo una scuola educatrice di uomini oppure nulla. Ci vuole coraggio: il sale della vita. Se l’esempio offerto alla nostra generazione è quello dell’attendismo, noia e autocolpevolizzazione, allora si possono anche chiudere per sempre le scuole. Meglio liberi che in prigione.

Non riaprire la scuola, RIFONDARE LA SCUOLA!

Con gli studenti, per l’Italia.

logo socializzazione scolastica blocco studentesco

Il manifesto per la socializzazione scolastica.

I nostri ultimi articoli

RECOVERY FUND O L’ENNESIMO TRUCCO DELL’EUROZONA

RECOVERY FUND O L’ENNESIMO TRUCCO DELL’EUROZONA

Di Alessia Nel luglio 2020 è stata approvata, sotto proposta della Commissione europea, la strategia da mettere in atto per rispondere alla crisi economica determinata dalla pandemia. Anche se, di fatto, è errato parlare di pandemia in termini di causa scatenante...

BLOCCO STUDENTESCO NAPOLI PROTESTA PER I TRASPORTI PUBBLICI

BLOCCO STUDENTESCO NAPOLI PROTESTA PER I TRASPORTI PUBBLICI

Napoli, 27 ottobre: “Trasporti fatiscenti, a pagare sempre gli studenti”, questo il testo sugli striscioni esposti dai militanti del Blocco Studentesco a Napoli. “Con questa azione, - inizia la nota del movimento - abbiamo voluto mettere nuovamente in risalto la...

IL RESPIRO DI UN POPOLO

IL RESPIRO DI UN POPOLO

di Cippa Si respira aria di rivolta, aria di un popolo in lotta che si dimostra vivo e pulsante. Unione di ideali, una storia di italiani uniti in un porto che sembra letta nei libri di storia del Rinascimento. Migliaia e migliaia di lavoratori e studenti, madri e...

LA WUNDERWAFFE CINESE

LA WUNDERWAFFE CINESE

Di Sembe Prosegue la nuova guerra fredda: nei giorni scorsi il Financial Times ha rilevato al mondo il test del nuovo missile ipersonico cinese della serie long March. Inutile specificare che si tratta di capaci di trasportare testate nucleari, ma la vera...

BLOCCO STUDENTESCO LECCE: GREEN PASS STRUMENTO DI RICATTO POLITICO

BLOCCO STUDENTESCO LECCE: GREEN PASS STRUMENTO DI RICATTO POLITICO

Lecce, 23 ottobre - “F*ck Green Pass: Studente infuriati!”. Questo il testo sullo striscione utilizzato nel flash mob organizzato dai militanti del Blocco Studentesco per protestare contro il Green Pass. “Non possiamo far altro che manifestare tutto il nostro dissenso...

LA RISCOPERTA DELL’AUTUNNO

LA RISCOPERTA DELL’AUTUNNO

Di Bologna Guardiamoci attorno, le punte degli alberi cominciano ad arrossare e tutto assume i colori dell'Autunno. Le piogge si fanno più ricorrenti, insistenti, quasi fastidiose come potrebbe pensare qualcuno con le narici bloccate dallo smog cittadino ormai...

CHE FINE HANNO FATTO I GIOVANI?

CHE FINE HANNO FATTO I GIOVANI?

Di Elena In questi ultimi mesi, le principali piazze italiane sono state riempite da manifestanti che invocano la propria libertà dopo quasi due anni in “emergenza sanitaria”. Tra i tanti coraggiosi che non si vergognano a chiedere le dimissioni del premier Draghi e...

QUANDO LA CENSURA VIENE SPACCIATA PER CAMBIAMENTO

QUANDO LA CENSURA VIENE SPACCIATA PER CAMBIAMENTO

Di Bianca Linguaggio di genere, grammatica inclusiva, discriminazione e sessismo linguistici. Questi i paroloni che ormai ci stanno ripetendo fino alla nausea per avvalorare la validità di segni grafici e di più o meno conosciute da introdurre nella nostra martoriata...