SOCIALIZZAZIONE SCOLASTICA

logo socializzazione scolastica blocco studentesco

Vogliamo il rientro totale, onnicomprensivo e senza scaglionamenti degli studenti a scuola.

Vogliamo abolita qualsiasi forma di didattica a distanza e virtuale: basta con le mezze decisioni e i ripensamenti, la nostra salute è nella comunità.

Vogliamo la partecipazione totale dello studente al processo di riapertura e cogestione delle scuole: socializzazione degli istituti, studenti soggetti attivi alla didattica, studenti parte integrante ed organica degli organi collegiali.

Vogliamo sia ripensato lo stare in classe. Non chiediamo sicurezza e sopravvivenza, ma un nuovo modo di fare scuola: sì a maggiore alternanza scuola lavoro, sì ai semestri con l’ambiente, sì all’attività fisica potenziata.

Vogliamo fondi per il miglioramento del trasporto pubblico, per l’acquisto di materiale scolastico, per il riammodernamento delle strutture. Queste sono le uniche garanzie di sicurezza per il diritto allo studio, che non arrivano da nessun DPCM.

Vogliamo una scuola educatrice di uomini oppure nulla. Ci vuole coraggio: il sale della vita. Se l’esempio offerto alla nostra generazione è quello dell’attendismo, noia e autocolpevolizzazione, allora si possono anche chiudere per sempre le scuole. Meglio liberi che in prigione.

Non riaprire la scuola, RIFONDARE LA SCUOLA!

Con gli studenti, per l’Italia.

logo socializzazione scolastica blocco studentesco

Il manifesto per la socializzazione scolastica.

I nostri ultimi articoli

NAPOLEONE E L’ITALIA: STORIA DI UN RAPPORTO CONTROVERSO

NAPOLEONE E L’ITALIA: STORIA DI UN RAPPORTO CONTROVERSO

Di Enrico Ricorre oggi il bicentenario della morte di Napoleone Bonaparte. Il rivoluzionario, il generale, il conquistatore, l’Imperatore. Per alcuni (come Beethoven, che gli dedicò la sua 3a sinfonia “Eroica”, ed Hegel) la manifestazione terrena del Weltseele, lo...

CRISI ECONOMICA: NE UCCIDE PIÙ IL VIRUS O LO STATO?

CRISI ECONOMICA: NE UCCIDE PIÙ IL VIRUS O LO STATO?

Di Alessia La crisi sanitaria che l’Italia patisce da ormai un anno è stata in grado di evidenziare ancora una volta, se mai fosse stato necessario, le immense lacune del nostro sistema economico e sociale. Evidenziare, perché in realtà non c’è nulla di nuovo, esse...

BLOCCO STUDENTESCO: IL LAVORO È NOSTRO.

BLOCCO STUDENTESCO: IL LAVORO È NOSTRO.

Roma, 1 maggio - In tutta Italia il movimento del fulmine cerchiato è sceso in strada per la ricorrenza della festa del lavoratori. "Lavoro non denaro - inizia la nota del movimento - è un'allocuzione decisiva e rivoluzionaria per comprendere le sfide del nostro...

UN SOLDATO ALLA FINE DEL MONDO

UN SOLDATO ALLA FINE DEL MONDO

Di Sergio La storia di un soldato di ventura può essere molto scomoda. Ti imbatti in un libro così per caso, o meglio, è lui che si fa strada verso di te. Non lo trovi tra gli scaffali disordinati delle librerie commerciali, tra i fumetti giapponesi e i peluche per...

LA COPIA FISICA, PIACERE DA COLLEZIONISTI O QUALCOSA IN PIÚ?

LA COPIA FISICA, PIACERE DA COLLEZIONISTI O QUALCOSA IN PIÚ?

Di Clara Molti sostengono da sempre che il vinile sia meglio del CD, ora però da qualche anno ormai sembrerebbero confermarlo anche i numeri in quanto il breve periodo di tempo che avrebbe potuto segnare una moda passeggera sembrerebbe essere stato largamente superato...

MEDITAZIONE DELLE VETTE

MEDITAZIONE DELLE VETTE

La Montagna: baluardo di libertà ai tempi del Covid Di Cerotto il Covid non ci voleva, no, non ci voleva proprio, un’umanità già dilaniata da “paure” e sconforti di ogni tipo, afflitta da una rassegnazione quasi naturale, in altre parole un’umanità perdente e...

BLOCCO STUDENTESCO: FUOCHI D’ARTIFICIO CONTRO IL COPRIFUOCO

BLOCCO STUDENTESCO: FUOCHI D’ARTIFICIO CONTRO IL COPRIFUOCO

Brescia, 27 aprile - fuochi d’artificio sono stati fatti deflagrare ieri sera sopra varie zone della città dai ragazzi del Blocco Studentesco per protestare contro la proroga del coprifuoco imposta dal governo. “Il coprifuoco è una misura inutile e deleteria - si...

CHERNOBYL: 35 ANNI DOPO IL DISASTRO

CHERNOBYL: 35 ANNI DOPO IL DISASTRO

Di Elena Il 26 aprile 1986 nell’ex URSS esplode il reattore numero quattro della centrale nucleare di Chernobyl, operativo dal 1983, episodio tutt’ora riconosciuto come la più grande catastrofe causata dall’uomo. Sono passati trentacinque anni dal disastro che ha...